banner

updated 10:56 AM CEST, Jul 28, 2020

Serie B: Ripresa fatale per la Coelsanus che scivola sul campo di Vicenza

Banca popolare di Vicenza – Coelsanus Varese 71-55 (15-17, 29-35, 53-45)

Vicenza: Valesin 15 (3/9, 1/4), Stefanini 6 (3/7, 0/1), Pasqualin 12 (1/6, 3/5), Nobile 15 (6/11), Campiello A. 8 (3/7), Benassi 9 (0/1, 3/4), Boaro 2 (0/1, 0/2), Mezzalira (0/1), Sinicato, Campiello U. 4 (2/5). All. Magagnoli.

Varese: Bolzonella 19 (7/11, 1/4), Santambrogio 2 (0/1 da 3), Castelletta 4 (2/8), Matteucci 13 (1/4, 2/8), Remonti (0/1, 0/2), Moalli (0/6, 0/1), Maruca (0/2), Pagani (0/1), Sabbadini 17 (2/4, 3/6), Lenotti (0/1). All. Passera.

Si presenta senza Filippo Rovera la Coelsanus sul campo di Vicenza per una delicata sfida sospesa tra il sogno e il doversi guardare le spalle. Coach passera recupera, però, dopo circa un mese di assenza Matteo Maruca nuovamente tra i convocati gialloblu dopo l’infortunio dicembrino.
Ne nasce una gara in cui la Robur gioca molto bene nei primi 20′ con la Coelsanus che dopo un inziale avanzata vicentina nel primo quarto sospinta da Nobile per il 12-8 del 6′, riesce a trovare le chiavi per attaccare la difesa di casa e con i positivissimi Bolzonella e Sabbadini a colpire la retina vicentina passa al comando: 25-28 al 15′ per poi trovare il massimo vantaggio sul viaggio in lunetta di Matteucci. Il capitano gialloblu subisce fallo Da Campiello e sfrutta anche un tecnico sanzionato a Nobile per fare percorso netto dalla line adella carità: 3/3 e 27-35 al 19′. Peccato che la Robur si spenga proprio sul più bello: maxi parziale a cavallo dei due quarti di 20 a 5 e Vicneza ribalta completamente la situazione: 47-40 al 28′. Da lì in poi, in pratica non vi è più partita con gli ospiti che scivolano lentamente, ma progressivamente fuori partita fino al 71-51 a 100″ dal termine della gara.
Ancora una volta la squadra di Franco Passera paga a caro prezzo una circolazione di palla tutt’altro che ottimale che produce percentuali glaciali dal campo: a Vicenza le statistiche recitano 30% globale dal campo. Ovviamente tali dati si riflettono poi sul fatturato: con soli 55 punti messi a segno è impossibile pensare di vincere su qualunque campo. Ora la pausa servirà a recuperare energie e focalizzare gli obiettivi dei gialloblu che, alla luce della gara odierna e dei risultati di giornata con le squadre che seguono che hanno perso tutte a eccezione di Mortara, induce a guardarsi le spalle sperando di chiudere il prima possibile il discorso playout. A cominciare dalla delicata sfida del 16 gennaio contro Moncalieri.

Last modified onGiovedì, 07 Gennaio 2016 09:19