banner

updated 1:28 PM CET, Dec 6, 2019
Luca

Luca

U16 eccellenza vince a Bernareggio con qualche patema di troppo

B99 Bernareggio - Robur et Fides Varese 66 -72

Sempre uguale lo spartito del match: varesini che giocano bene, prendono margine e poi si accontentano, calando di intensità. Coach Triacca rialza il volume della radio e la squadra risponde mettendo in mostra quanto di buono costruito in allenamento, per poi tornare a lasciar giocare l'avversario. Bernareggio non passa nemmeno un secondo della partita in vantaggio, ma i nostri, invece che chiudere la sfida anzitempo si spengono ogni qual volta ci sarebbe da affondare il colpo del k.o. Un atteggiamento che rischia quasi di essere fatale nel minuto finale, dove i padroni di casa, con due giocate da 6 punti complessivi, arrivano a meno 3 con 13 secondi da giocare. Fortunatamente la freddezza ai liberi scaccia i fantasmi di una sconfitta immeritata per la differenza di talento e capacità di gioco, ma che avrebbe giustamente punito un'attitudine insufficiente. 

B99: Bettoschi 20, Terenghi 5, Rocca, Maconi 5, Terruzzi 6, Muscarà 3, Piccinelli 4, Vernioli 8, Paganotto 13, Degli agosti, Calderola 2, Moltrasio

Robur: D'Uva 2, Carnaghi 2, Macchi 20, Battaini 5, Marchi 6, Ghezzi 5, Parolin 2, Zivkovic 7, Coulibaly 10, Civelli 8, Tamborini 3, Colombo 2

U16 top: doppia vittoria e classifica ribaltata

Dopo la grande vittoria contro la prima della classe, i ragazzi del Campus erano chiamati ad una settimana di fuoco. Giovedì sera contro i secondi della classe di Gavirate, con cui si è instaurata una sana e sportivissima rivalità per via dei molti incroci in campionato; e in seconda battuta Gallarate, all'ultima possibilità di agguantare l'accesso alla seconda fase top. Alla fine della doppia sfida con molta probabilità sarebbe emerso chi avrebbe avuto il diritto di battagliare nei due gironi delle migliori 16 squadre della Lombardia. I nostri ragazzi del 2004 hanno sfoggiato una personalità notevole in entrambe le occasioni. Nella prima partita recuperando uno svantaggio di 10 lunghezze, portandosi sulla doppia cifra di vantaggio e non facendo più rientrare Gavirate; nella seconda giocando punto a punto una partita molto difficile contro una coriacea Gallarate che ci a provato fino all'ultimo possesso a difendere il terreno di casa. Alla prima prova fondamentale della stagione i nostri hanno risposto" presente" come una squadra, e come una squadra andranno all'ultima giornata a lottare per la migliore posizione possibile.

Campus Varese - Lasportiva Gavirate 67 - 59

Gallarate Ayers Rock - Campus Varese  54 - 57

 

U16 eccellenza: vittoria sofferta contro Urania

Robur et Fides Varese - Urania Milano 61 - 55

Impegno casalingo complicato per i ragazzi di coach Triacca, chiamati ad affrontare un avversario con meno talento di quello a propria disposizione, ma con una discreta organizzazione e notevole fame. Il primo quarto racconta appunto di una Robur che non riesce mai a staccare l'avversario, che instancabilmente rimette la partita sui binari dell'equilibrio. È il secondo quarto a distanziare un poco le due compagini, ma un divario di 6 punti è poca roba e la consapevolezza all'intervallo lungo è che si debba accelerare ulteriormente. Così avviene, i varesini toccano anche il più 12 e qui la luce, invece che divenire sempre più brillante, si spegne. Conclusioni affrettate e difese sotto tono danno ad Urania la possibilità di ricucire lo strappo, ma soprattutto di ribaltare l'inerzia. Un peccato quello commesso dei nostri 2004 che essi stessi si fanno perdonare, con un finale di partita in cui Urania è tenuta a soli 2 punti contro i 9 dei padroni di casa. È l'allungo finale, quello decisivo. Due punti fondamentali per il prosieguo della corsa alla fase interzona.

Robur: D'uva, Carnaghi 3, Macchi 18, Battaini 6, Marchi, Librizzi 6, Ghezzi 4, Zivkovic 6, Coulibaly 14,Turriziani 2, Civelli 2, Tamborini

Urania: Rabbachin, Valsecchi 18, Sagher 7, Golier 13, Pezzola 8, Manzoli 3, Calcio 2, Messina, Marisi 3, Villa, Youssef 1, Ruoti

 

 

U16 top sconfigge all'ultimo respiro la capolista Cermenate

Campus Varese - Virtus Cermenate 65 - 63

Sono i vicecampioni in carica della Lombardia a far visita ai ragazzi del 2004. Ancora imbattuti nel girone top rappresentano una sfida difficilissima da superare. Il piglio però è quello giusto. Il primo parziale è di marca roburina, un 11 - 1 fatto di determinazione e precisione nelle scelte. Cermenate però è squadra vera, e non si fa certo intimorire dalla partenza razzo dei varesini, tornando a meno 4. Nuovamente uno scatto robur riporta i nostri vicino alla doppia cifra di vantaggio. Ancora Cermenate risponde, e sulla sirena del secondo quarto arriva ad uno solo punto di distanza. Nel terzo quarto gli ospiti scappano. Sembra il culmine della rimonta, che si prolunga verso un più 10 che pare indirizzare la partita. I 2004 di casa però non ci stanno, rosicchiano 4 punti nel finale di terzo quarto e danno tutto quello che gli rimane in corpo per raddrizzare le sorit della gara. Il quarto periodo vede una difesa che sale di livello ed un attacco che acquista sicurezze. È più 2 con 24 secondi da giocare, palla in mano. I nostri effettuano ordinatamente la rimessa e scappano dall'ovvio e giusto tentativo degli ospiti di fare fallo per bloccare il cronometro e recuperare la palla. Per una dozzina di secondi la fuga è perfetta, poi un giocatore ospite riesce a commettere fallo. Un gesto assolutamente non violento, che ha il solo intendo lecito di arrestare lo scorrere inesorabile dei secondi. L'arbitro incredibilmente non ravvisa il fallo e Cermenate con un contropiede 1 contro 0 impatta la partita. Dopo qualche legittima protesta, i nostri si dimenticano velocemente della topica arbitrale, in una partita così tirata tutti sbagliano e soffermarsi su un errore è quanto di più sbagliato possa esserci. L'attenzione è tutta rivolta su come fare il canestro per portare a casa la partita. Le indicazioni sono poche e precise, l'esecuzione molto ben compiuta e impreziosita da quella determinazione senza la quale è difficile ottenere risultati. Più 2 e palla in mano agli avversari. L'ultima rimessa produce un tiro da tre punti centrale con molta pressione difensiva, il rimbalzo è gialloblu. Si può festeggiare, consci che dall'indomani la testa sarà già propiettata al prossimo passo in avanti da compiere.

Campus: Carù 6, Casazza, Felisari, Fusiello 14, Jonuzi 11, Modesti 14, Pietrocola 2, Salerno 3, Santinon 11, Trentini 4, Zanzi

Cermenate:Caccia 2, Cairoli A. 2, Cairoli L. 13, Carioni 13, Caspari 20, Fiorentini, Fumagalli 8, Mezzocatto, Oralndo 2, Russo 4, Sangare 1, Verga

Subscribe to this RSS feed